Consorzio di Bonifica. Continua la lotta di Altragricoltura.

COMUNICATO STAMPA1

“CONSORZIO DI BONIFICA DI BRADANO E METAPONTO: COMUNQUE ANDATEVENE A CASA SENZA FARE ALTRI DANNI.”

Invito alla Conferenza Stampa

Domani 03 Maggio 2013 – ore 10:00

Davanti alla sede del Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto

Via Annunziatella, 64 – Matera

Per info: 3342035169

Il 29 aprile scorso nella sala parrocchiale di Policoro, come avevamo annunciato in precedenza, si è tenuta l’assemblea pubblica convocata da Altragricoltura per decidere le iniziative da intraprendere contro il Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto e per una sua riforma che tuteli gli interessi dei cittadini.

L’assemblea ha ribadito le scelte già annunciate:

  • Ricorso al TAR contro l’aumento del costo del servizio agli agricoltori che produrrebbe il tracollo dell’economia agricola del materano;
  • Denuncia alla Procura della Repubblica di atti illegali compiuti dal Consiglio di Amministrazione “sedicente in carica”;
  • Richiesta alla Regione Basilicata di commissariamento immediato e convocazione delle elezioni per restituire agli agricoltori ed al territorio la gestione democratica di quello che ormai è diventato un “carrozzone impresentabile”.

Molti agricoltori conseguentemente all’assemblea realizzata a Policoro, stanno sottoscrivendo gli atti da depositare e Altragricoltura, anche consultandosi con altre associazioni e organizzazioni, sta preparando e coordinando, con il Soccorso Contadino, le iniziative nelle sedi legali, sindacali e di mobilitazione.

Ieri è arrivata la notizia che l’assessore all’Agricoltura, Nicola Benedetto, avrebbe sospeso gli effetti dell’aumento dei canoni irrigui e questa mattina, 02 maggio 2013, il coordinatore nazionale di Altragricoltura, Gianni Fabbris, lo incontrerà per avere elementi concreti dei provvedimenti e verificarli.

“In ogni caso”, ribadisce Fabbris, “la delibera illegittima e infondata non va solo sospesa ma definitivamente annullata. Senza di ciò lunedì mattina depositeremo comunque gli atti al TAR per evitare ogni rischio”.

Altragricoltura, comunque, mantiene ferme le due iniziative in campo (denuncia alla Procura della Repubblica per le responsabilità penali e civili del CdA e richiesta di commissariamento ed urgentissima convocazione delle elezioni democratiche).

Domattina, 03 maggio 2013, alle ore 10:00 davanti alla sede del Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto in Via Annunziatella, 64 a Matera una delegazione si recherà per protocollare al Consorzio la richiesta immediata di dimissioni.

Invitiamo la stampa tutta a partecipare non solo alle procedure relative alla consegna della richiesta di dimissioni ma anche alla conferenza stampa nella quale comunicheremo l’esito dell’incontro tenutosi oggi con l’assessore e la decisione di protocollare o meno, lunedì mattina, il ricorso al TAR e comunque le ulteriori iniziative legali e di lotta.

Alleghiamo alla presente il testo che è stato distribuito agli agricoltori nell’incontro di lunedì scorso, 29 Aprile 2013:

Sottoscrizione ricorso al TAR contro l’aumento illegittimo dei canoni irrigui

Lunedi 29 aprile 2013 ore 18.30

Sala Parrocchiale Chiesa Madre – Policoro

Risposta alla gestione irresponsabile degli amministratori del Consorzio di Bonifica: raccogliamo le firme di quanti sottoscriveranno il ricorso al TAR. Portate i documenti.

Gli amministratori del Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto, illegittimamente in carica dopo che da sette anni è scaduto il loro mandato, continuano a fare danni al territorio, agli agricoltori ed ai cittadini.

Non gli è bastato che abbia portato un Ente strategico per l’agricoltura e il territorio al disastro finanziario accumulando un buco di diverse decine di milioni di Euro e peggiorando come non mai il disservizio (canali irrigui e impianti in condizioni pietose e pericolose), ora vorrebbero aumentare i canoni agli agricoltori in maniera insopportabile per qualsiasi coltura contribuendo a dare il colpo mortale ad un intero comparto economico.

Vorrebbero farci pagare le colpe della incapacità di chi sta gestendo e di una riforma dell’Ente che la Politica Regionale da sempre parla e non fa mai. Riforma sempre più urgente che dovrebbe servire a ridefinire i compiti e il riordino dell’Ente, l’efficienza e la trasparenza del servizio, che garantisca gli interessi collettivi e un uso corretto della risorsa acqua e del territorio irriguo e, soprattutto, che non ci faccia pagare costi impropri imposti senza trasparenza da manager dalla gestione clientelare e dalla politica.

ORA BASTA!

NON ACCETTIAMO CHE I CANONI IRRIGUI VENGANO RADDOPPIATI (E FORSE TRIPLICATI) PER FARE CASSA SULLA

PELLE DI CHI LAVORA E DELLE COMUNITA’

Assumetevi le vostre responsabilità: ritirate le delibere illegittime di aumento dei canoni e dimettetevi!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi