Martedi 28 luglio 2020 a Policoro presentiamo il progetto Donne contro il caporalato. Un altro tassello per salvare la nostra agricoltura

RETE PERLATERRA COMUNICATO E INVITO ALLA STAMPA Matera, 25 luglio 2020 La Rete PerlaTerra risponde all’appello. Saranno gli agricoltori a cacciare i caporali e tutte le mafie dalle nostre terre. Martedi 28 luglio, insieme ai nostri alleati, vi raccontiamo come “Le aziende coinvolte dalla Rete PerlaTerra nel progetto costruito insieme in questi mesi con l’Associazione … Leggi tutto Martedi 28 luglio 2020 a Policoro presentiamo il progetto Donne contro il caporalato. Un altro tassello per salvare la nostra agricoltura

Al via il progetto “Donne braccianti contro il caporalato”. Il 28 luglio conferenza stampa

Progetto ‘Donne braccianti contro il caporalato’ NO CAP, Megamark e Rete Perlaterra promuovono la prima filiera bio-etica contro il caporalato dedicata alle donne Cinquanta braccianti del territorio, fino a ieri vittime di sfruttamento, coinvolte nella prima filiera bio-etica contro il caporalato dedicata alle donne. Il progetto ‘Donne braccianti contro il caporalato’ è frutto di una … Leggi tutto Al via il progetto “Donne braccianti contro il caporalato”. Il 28 luglio conferenza stampa

Ciascuno cresce solo se sognato. Lettera aperta al Comune di Roma ed alla politica italiana

Ciascuno cresce solo se sognato (Danilo Dolci) e nel mio sogno ci sono uomini e donne che vivono in pace al lavoro nei campi lettera aperta alla politica italiana 64 anni dopo di Gianni Fabbris Il 2 febbraio del 1956 Danilo Dolci veniva arrestato mentre guidava un gruppo di braccianti a lavorare nella Trazzera vecchia, … Leggi tutto Ciascuno cresce solo se sognato. Lettera aperta al Comune di Roma ed alla politica italiana

Due giorni di sciopero alla rovescia preparando l’autunno delle occupazioni.

ALTRAGRICOLTURA – alleanza per la sovranità alimentare
com. stampa – 16.7.20

DUE GIORNI DI SCIOPERO ALLA ROVESCIA
PREPARANDO L’AUTUNNO NELLE CAMPAGNE

Il 2 febbraio del 1956 Danilo Dolci veniva arrestato mentre guidava un gruppo di braccianti a lavorare nella Trazzera vecchia, una strada nei pressi di Partinico abbandonata all’incuria. Al commissario di polizia che era intervenuto per interrompere quello “Sciopero alla rovescia”, come venne chiamato, Dolci rispose che il lavoro non è solo un diritto, ma per l’articolo 4 della Costituzione un dovere.

A sostegno di Danilo Dolci, grande figura di educatore della nonviolenza e militante sindacale, scese in campo una grande iniziativa nazionale e internazionale di cittadini, intellettuali, uomini e donne delle campagne e delle città e si aprì un dibattito ricchissimo che  (ancora una volta muovendo le coscienze dalle aree rurali di questo Paese) fece avanzare la consapevolezza civile e la democrazia.

Leggi tuttoDue giorni di sciopero alla rovescia preparando l’autunno delle occupazioni.

Non più invisibili, le donne in agricoltura seminano il cambiamento

Editoriale per Iafue Perlaterra del 1° luglio 2020 a firma di Miriam Corongiu e della Redazione di Terra Donne La condizione delle donne in agricoltura è da sempre caratterizzata da sfruttamento e invisibilità, sfruttamento che non solo avviene nel proprio posto di lavoro, magari sotto il tallone del caporale di turno, ma anche nelle quattro … Leggi tutto Non più invisibili, le donne in agricoltura seminano il cambiamento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi