Una Via Contadina ai diritti dei salariati agricoli e dei migranti

Quella che segue è parte della traduzione del documento internazionale del Coordinamento delle Organizzazioni Europee di Via Campesina sulle questioni del lavoro salariato in agricoltura, sulle migrazioni e sull’alleanza da costruire fra agricoltori, lavoratori e cittadini per affermare la proposta della Sovranità Alimentare.

…. i modelli di produzione alimentare intensiva e industriale su larga scala implementano meccanismi di lavoro che mirano a garantire la massima flessibilità e il minor costo possibile anche attraverso la limitazione dei diritti civili e la repressione delle proteste.
Denunciamo la globalizzazione neoliberale e neocoloniale che obbliga all’apertura incondizionata dei mercati e determina la distruzione delle economie locali, imponendo al contempo repressione ai confini e discriminazione legale degli esseri umani.
Allo stesso tempo, lo sviluppo di questo modello agricolo spinge i piccoli agricoltori a produrre su scala più ampia e a costi inferiori per garantire la redditività, costringendoli a impiegare in modo permanente o stagionale il lavoro salariato e a ricorrere sempre più agli stessi meccanismi e norme
utilizzati dalle grandi imprese.
La Via Campesina non ammette né giustifica alcun tipo di discriminazione lavorativa o sociale e lo sfruttamento dei lavoratori salariati e o dei lavoratori rurali migranti, sia nelle grandi aziende agricole che in quelle piccole.
Respingiamo le argomentazioni paternalistiche di molti datori di lavoro che giustificano le giuste restrizioni e il mancato adempimento dei propri
obblighi a causa della propria situazione di basso reddito o a causa di bassi profitti.
Insieme, dobbiamo rompere con la logica produttivista e capitalista in cui siamo immersi, passando da un modello basato su profitto, accumulazione, estrattivismo e mancanza di solidarietà, a un modello di economia contadina, sostegno reciproco e ricerca del nostro benessere attraverso la produzione di un cibo che rispetti e contribuisca all’equilibrio ambientale e sociale.
Non accettiamo la mercificazione delle risorse naturali o del lavoro. Le nostre azioni e strategie mirano a superare queste situazioni di sfruttamento e discriminazione attraverso una riforma agricola globale e popolare che garantisca l’accesso alla terra e alle risorse per tutte le persone che vogliono produrre cibo, evitando così le migrazioni forzate e l’accettazione da parte dei lavoratori rurali di condizioni vergognose.
La nostra prospettiva si fonda sulla sovranità alimentare, sull’agroecologia contadina, sulla protezione dell’ambiente e dal pieno rispetto dei diritti umani. Ciò non cambia il fatto che, su questa strada verso la trasformazione del modello agricolo e sociale, il nostro asse prioritario sia la lotta per il miglioramento di condizioni di lavoro, sociali e amministrative dei lavoratori stagionali nativi e migranti allo stesso modo, al fine di ottenere la massima uguaglianza possibile di diritti ed evitare più morti, molestie e una limitazione delle libertà alle frontiere, nei CIE (Centri di detenzione per migranti) e nei posti di lavoro.
….. Il fatto che alcuni sindacati o lavoratori delle retribuzioni rurali e/o collettivi dei lavoratori non mettano in discussione il modello agroindustriale prevalente o non combattano la lotta per l’accesso alle risorse comuni, non impedisce alle organizzazioni de La Via Campesina di costruire alleanze concrete per difendere e migliorare il diritti dei lavoratori e delle loro famiglie.
Per fare ciò, è essenziale rafforzare la solidarietà e l’organizzazione dei lavoratori in difesa dei loro diritti. È inoltre fondamentale promuovere il coordinamento e le alleanze, in contesti rurali e urbani, verso un nuovo modello di produzione, distribuzione e consumo basato sulla sovranità alimentare, che comprenda piccoli agricoltori e allevatori, pescatori, contadini, precari e lavoratori urbani, così come i ricercatori.
È indispensabile che le persone nelle aree urbane si rendano conto che quando lottiamo per i diritti dei produttori agricoli e la sovranità alimentare, difendiamo il diritto a una casa dignitosa, al cibo sufficiente, adeguato e di qualità per tutti, il diritto alla salute per tutti, così come la sostenibilità della vita umana sul pianeta di fronte ai cambiamenti climatici, alla desertificazione e al disastro ambientale.
…. La rivendicazione e la lotta per i diritti dei contadini è uno strumento di unità e cooperazione tra contadini e lavoratori salariati rurali.
Il diritto a un reddito minimo che consenta una vita dignitosa in campagna, deve essere garantito a tutte le persone attraverso prezzi equi e salari dignitosi.
La protezione sociale universale deve esseregarantita nelle zone rurali mediante sostegno e servizi pubblici.
Vogliamo prevenire l’abbandono delle campagne dei contadini e le situazioni in cui i datori di lavoro assumono lavoratori senza prima assicurarsi che siano in grado di fornire salari e condizioni di lavoro dignitosi.
… Per tutto questo, è urgente la necessità di interrompere qualsiasi tipo di sostegno politico a un modello agricolo che non riconosca i diritti né la dignità dei lavoratori.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi