Malaspina, a Bruxelles presiederà teering committee

Pubblicato su Agenparl.it (leggi articolo originale)

Sarà l’assessore regionale all’Agricoltura della Regione Marche, Maura Malaspina, attuale presidente della Rete delle Regioni e Autorità Locali d’Europa ”Libere da Ogm” a presiedere lo “Steering Committee/Comitato Direttivo” della Rete che si terrà a Bruxelles il prossimo 29 gennaio. Lo Steering Committe che sotto la Presidenza marchigiana si è allargata a 60 Regioni europee, ha il compito di fare il punto sulla normativa a livello Ue cercando di focalizzare le questioni più attuali nel dibattito sugli Ogm.

Leggi tuttoMalaspina, a Bruxelles presiederà teering committee

Agricoltura: primo no Pe a nuove norme Ue commercio sementi

Pubblicato su Ansa.it (leggi articolo originale) BRUXELLES, 30 GEN – Stop della commissione Ambiente del Parlamento europeo alla proposta avanzata dalla Commissione Ue sul ”materiale riproduttivo vegetale”, che comprende temi come la commercializzazione delle sementi e del materiale da propagazione. ”Abbiamo dato un chiaro segnale di voler garantire la sicurezza dell’agricoltura europea e il commercio … Leggi tutto Agricoltura: primo no Pe a nuove norme Ue commercio sementi

Quell’etichetta che non piace a Bruxelles

Pubblicato su Agronotizie (leggi articolo originale)

E’ un incontro informale quello previsto dall’8 al 10 settembre a Strasburgo per i ministri dell’Agricoltura della Ue. Di argomenti da affrontare ne avranno molti e fra i tanti quello della etichettatura facoltativa delle carni bovine. Se ne discute da due anni, da quando si è fatta avanti l’ipotesi di modificare il regolamento 1760/2000, con la soppressione della possibilità di offrire sulle etichette della carne informazioni aggiuntive per il consumatore, come il nome della razza, il sistema di allevamento, il tipo di alimentazione e via di questo passo. A giustificazione di una scelta palesemente controcorrente rispetto alle politiche di trasparenza e sicurezza delle produzioni agroalimentari che la Ue si dice intenzionata a perseguire, ci sarebbero i costi che Bruxelles deve sostenere.

Leggi tuttoQuell’etichetta che non piace a Bruxelles

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi